Vai menu di sezione

Cambio di abitazione all'interno del Comune

Chi può presentare la dichiarazione 

La dichiarazione di cambio abitazione all'interno del Comune deve essere presentata dall'interessato o, nel caso di trasferimento di un nucleo familiare, da un qualsiasi componente maggiorenne della famiglia e sottoscritta da tutti in componenti maggiorenni.Il nuovo indirizzo (numero civico, scala, piano, interno) deve essere comunicato entro 20 giorni dal trasferimento.Cosa dichiarare Oltre ai dati anagrafici di tutti i componenti il nucleo familiare, devono essere dichiarati anche i dati della patente (numero, categoria, data ed ente di rilascio) e delle targhe dei veicoli (auto, motocicli, rimorchi e ciclomotori) intestati a tutti coloro che si sono trasferiti. Il comune provvede ad effettuare la comunicazione della variazione della residenza all’ UCO Ufficio Centrale Operativo del Ministero dei Trasporti con sede a Roma.

Il cambio di indirizzo non comporta modifiche alla carta di identità e al passaporto.

Come e dove presentare la dichiarazione 

La dichiarazione, compilata su apposito modulo ministeriale, deve:

  • essere correttamente compilata nelle parti obbligatorie e deve essere completa di tutte le pagine del modulo, eventualmente barrate nelle parti non compilate. La mancanza di una o più pagine rispetto al modulo ministeriale rende la dichiarazione non valida e pertanto irricevibile.
  • essere sottoscritta dal dichiarante e da tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare che si trasferisce. La mancanza anche di una sola delle firme dei maggiorenni rende la dichiarazione non valida e pertanto irricevibile.
  • essere accompagnata dalla fotocopia del documento di identità di tutti i componenti del nucleo familiare che si trasferisce. La mancanza del documento di identità dei maggiorenni che firmano rende la dichiarazione non valida e pertanto irricevibile

E' necessario, inoltre, esibire, ai sensi dell'art. 5 del D.l. 28/03/2014, n. 47 convertito in L. 80/2014, copia del titolo che consente di disporre dell'alloggio (es.: contratto di locazione, comodato o atto di proprietà debitamente registrati e, in caso di alloggio Ater, il verbale di assegnazione o il contratto di locazione o l'autorizzazione all'ospitalità temporanea).
I cittadini stranieri devono anche allegare alla dichiarazione copia leggibile del permesso di soggiorno in corso di validità oppure copia del permesso di soggiorno scaduto accompagnata dalle ricevute postali di rinnovo del Permesso. La mancanza del permesso di soggiorno rende la dichiarazione non valida e pertanto irricevibile.

La dichiarazione può essere presentata con una delle seguenti modalità:

  • a mezzo lettera raccomandata all'indirizzo: Comune di Tarvisio - Ufficio Anagrafe - Via Roma n. 3 - 33018 Tarvisio (UD)
  • per via telematica - sottoscritta, acquisita mediante scanner e trasmessa, attraverso la posta elettronica semplice, all'indirizzo anagrafe@com-tarvisio.regione.fvg.it   oppure - sottoscritta con firma digitale e trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del richiedente, all'indirizzo pec comune.tarvisio@certgov.fvg.it
  • allo sportello dell'ufficio anagrafe

Controlli e sanzioni 

Gli accertamenti sono disposti successivamente alla dichiarazione del cittadino.

Se entro 45 giorni dalla registrazione l'interessato non riceve comunicazioni circa eventuali requisiti mancanti o esito negativo degli accertamenti, in applicazione dell'istituto del silenzio-assenso, la pratica si considera definita. In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli artt. 75 e 76 del Dpr 445/2000 (relativamente alla decadenza dai benefici e alle sanzioni penali) e l'art. 19, comma 3, del Dpr 223/1989 (segnalazione alle autorità di Pubblica sicurezza) e viene ripristinata la posizione anagrafica precedente.

Ufficio di competenza
Ufficio Demografico
Dove rivolgersi

Ufficio Anagrafe

e-mail: anagrafe@com-tarvisio.regione.fvg.it

Responsabile del Procedimento: Neri Rosmaria

Riferimenti normativi
  • D.l. 28 marzo 2014, n. 47, convertito in Legge 23 maggio 2014, n. 80 "Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47 Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015"
  • D.l. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito legge 4 aprile 2012, n. 35 "Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5: Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo"
  • D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, "Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa"
  • D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223 "Approvazione del nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente"
torna all'inizio del contenuto
Pubblicato il: Venerdì, 21 Maggio 2021

Valuta questo sito

torna all'inizio