Vai menu di sezione

Iscrizione di atti di stato civile

Denuncia di nascita

Quando nasce un bambino l’evento deve essere denunciato all’ufficiale di stato civile per consentire che venga registrato l’atto di nascita ed il bambino sia iscritto nei registri anagrafici del Comune di residenza dei genitori.

 

Chi può effettuare la denuncia

  • uno dei genitori, se coniugati
  • entrambi i genitori se non coniugati
  • il solo genitore che riconosce il figlio

Se i genitori hanno un'età inferiore ai 16 anni devono avere l'autorizzazione del giudice tutelare.

 

Dove

La denuncia di nascita può essere presentata alternativamente, a scelta del genitore:

  • Nell'ospedale dove è avvenuto il parto
  • Presso l’ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuta la nascita
  • Presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori

 

Entro quanto tempo effettuare la denuncia

La denuncia di nascita deve essere effettuata tassativamente:

  • entro i 3 giorni successivi alla data di nascita se la denuncia è fatta direttamente nell'ospedale nel quale è avvenuto il parto; 
  • entro i 10 giorni successivi alla data di nascita se la denuncia viene fatta presso l'ufficio di stato civile del Comune di nascita del bambino o di residenza dei genitori. Se il 10° giorno è festivo la denuncia può essere effettuata il giorno successivo.

 

Documentazione necessaria

Al momento della denuncia il genitore deve essere in possesso della seguente documentazione:

  • attestazione di nascita rilasciata dall'ostetrica o dal medico che ha assistito al parto;
  • dichiarazione sostitutiva di avvenuto parto, per chi non ha ricevuto assistenza sanitaria;
  • documento di riconoscimento

 

Scelta del doppio cognome

Se i genitori intendono di comune accordo attribuire al neonato o alla neonata ambedue i loro cognomi possono farlo presentandosi insieme all'ufficio per fare la richiesta contestualmente alla denuncia di nascita. Senza questa specifica richiesta, al bambino o alla bambina sarà attribuito il solo cognome paterno. Si precisa che, nel caso sia un unico genitore a fare il riconoscimento al momento della denuncia di nascita il cognome attribuito sarà quello di questo genitore.

Denuncia di morte

Il decesso deve essere denunciato all'Ufficiale di Stato Civile del Comune in cui è avvenuto entro 24 ore dallo stesso, ai fini del rilascio del permesso di seppellimento della salma e della predisposizione del relativo atto di morte.

La denuncia di morte puo' essere fatta da un familiare, dall'Impresa di Pompe Funebri o da persona informata del decesso.

L'Ufficiale di Stato Civile rilascia l'autorizzazione al seppellimento solo dopo 24 ore dal decesso, salvo casi particolari indicati dal medico necroscopo. In caso di morte violenta la documentazione rilasciata dall'ospedale deve essere accompagnata dal Nulla Osta dell'Autorità Giudiziaria.

Se il decesso é avvenuto presso strutture sanitarie (case di cura) è la struttura stessa a trasmettere al Comune la documentazione necessaria.

Se il decesso é avvenuto in abitazione solitamente é l'Impresa di Pompe Funebri incaricata dai familiari che si attiva al fine della regolarizzazione della pratica.

Le fasi del procedimento sono le seguenti:

  1. Denuncia di decesso;
  2. Rilascio da parte dell'Ufficiale di Stato Civile dell'autorizzazione al seppellimento e al trasporto della salma;
  3. Stesura atto di morte da parte dell'Ufficiale di Stato Civile

Atti di cittadinanza

RICHIESTA PER RENDERE GIURAMENTO DAVANTI AL SINDACO  IN SEGUITO ALL'OTTENIMENTO DEL DECRETO DI CITTADINANZA

Entro sei mesi dalla data di notifica del Decreto di concessione della cittadinanza da parte della Prefettura, deve essere reso giuramento davanti al Sindaco. Per richiedere di rendere giuramento davanti al Sindaco occorre  prenotare per appuntamento.  Presso l'Ufficio Stato Civile possono essere presentate le richieste per ottenere il riconoscimento del possesso della cittadinanza e per il riacquisto o la rinuncia della stessa secondo le modalità di seguito riportate:

  • La concessione della cittadinanza può essere richiesta da un cittadino straniero che si trovi in una delle condizioni previste dalla legge 5 febbraio1992 n. 91 rivolgendosi alla Prefettura di Udine  a cui va presentata l’istanza predisposta dal Ministero dell’Interno.
  • Il giuramento è obbligatorio per l'acquisizione della cittadinanza italiana.
  • A seguito del giuramento anche i figli minori conviventi con il genitore che ha giurato diventano italiani previa attestazione del Sindaco. L'Ufficio di Stato Civile procede a verificare la condizione di convivenza.
  • Alla maggiore età i figli potranno rinunciare alla cittadinanza italiana se in possesso di altre cittadinanze.

RICONOSCIMENTO DEL POSSESSO DELLA CITTADINANZA ITALIANA A CITTADINI STRANIERI DI CEPPO ITALIANO

I cittadini stranieri provenienti da tutti gli stati americani e dall’Australia con antenati italiani, residenti a Tarvisio, possono fare la richiesta di riconoscimento della cittadinanza. La domanda può essere presentata da coloro che hanno un avo nato ed emigrato all’estero dopo la costituzione dello Stato italiano e che sono residenti a Tarvisio. Coloro che non sono residenti in nessun comune italiano devono fare la richiesta al consolato o all’ambasciata italiana all’estero. La richiesta deve essere indirizzata al Sindaco del Comune di Tarvisio e la documentazione dovrà essere tradotta e legalizzata.

RICHIESTA PER LA DICHIARAZIONE DI CITTADINANZA DEI CITTADINI DICIOTTENI NATI IN ITALIA  

I ragazzi stranieri nati in Italia, residenti legalmente in Italia sin dalla nascita in età tra i 18 e i 19 anni che intendono assumere la cittadinanza italiana, devono prenotare un appuntamento presso l'Ufficio di Stato Civile per la verifica delle condizioni richieste dalla legge (art.4 Legge 5 febbraio 1992 n 91).

I ragazzi stranieri nati in Italia, residenti legalmente in Italia sin dalla nascita in età tra i 18 e i 19 anni che intendono assumere la cittadinanza italiana, devono previo appuntameno  presso l'Ufficio di Stato Civile per la verifica delle condizioni richieste dalla legge (art.4 Legge 5 febbraio 1992 n 91

Ufficio di competenza
Ufficio Demografico
Dove rivolgersi

Ufficio Stato Civile

e-mail: anagrafe@com-tarvisio.regione.fvg.it

Responsabile del Procedimento: Neri Rosmaria

Per informazioni telefonare
04282980 – numeri diretti ufficio 0428820429-0428820430
Riferimenti normativi
DPR 3 novembre 2000, n. 396
torna all'inizio del contenuto
Pubblicato il: Mercoledì, 19 Maggio 2021

Valuta questo sito

torna all'inizio